Berecche e la guerra, di Luigi Pirandello

Ascolta lo spettacolo in audio-mp3-podcast

Berecche e la Guerra, di Luigi Pirandello.
Messa in voce tra parola di teatro e sentimento creativo dello scrittore, adattamento e interpretazione a cura di Gaetano Marino.
Lo spettacolo, sostenuto dalla Fondazione di Sardegna, sarà proposto con ingresso libero.

Presentazione:
Federico Berecche, sin dall’età di nove anni ha una vera e propria passione per la Germania e il popolo tedesco. Tutti i suoi ideali vengono “distrutti” quando, durante la prima guerra mondiale, la Germania attacca, a fianco dell’Austria, il resto dell’Europa. La nazione oggetto di culto per tanti anni, da quel momento diventa sinonimo di guerra, di invasione, di distruzione. Tutta la famiglia di Berecche contrasta i suoi ideali.
La novella, adattata per la scena teatrale, è un’implacabile sequenza di quadri, situazioni emotive, che dipingono uno dei tanti inferno-famiglia. Tempi e luoghi differenti si snodano in un malessere fatto di delusione, dolore e angoscia, persino la “ragione filosofica” occupa un posto di grande rilievo. Ma poi ogni evento si riduce quasi in una trappola per ciascun individuo.
…”No: questa non è una grande guerra; sarà un macello grande, una grande guerra non è perché nessuna grande idealità la muove e la sostiene. Questa è guerra di mercato: guerra d’un popolo bestione, troppo presto cresciuto e troppo faccente e saccente, che ha voluto aggredire per imporre a tutti la sua merce e, bene armata e azzampata, la sua saccenteria.”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X

Pin It on Pinterest

X